ARTICOLI

Lo sviluppo del linguaggio

21 Gennaio 2019
Photo by Annie Spratt

Un tempo si pensava che i bambini nella pancia della mamma fossero passivi, ma gli studi hanno dimostrato che essi sono in grado di apprendere già in questa epoca di vita. Una volta venuto al mondo, il bambino pian piano deve far tesoro delle capacità innate e dei successivi apprendimenti, per poter imparare a comunicare. All’inizio è soprattutto un linguaggio del corpo: stringe, afferra, piange, un linguaggio del tutto primitivo, ma così carico di emozioni che ogni mamma capisce perfettamente e risponde a sua volta con gesti o sorrisi.

“Tutti i bebè amano guardare un libro con una persona a cui vogliono bene: in grembo, accoccolati, è un’esperienza di contatto del tutto particolare per entrambi” (K. Boie)

È il bambino stesso ad accorgersi dell’utilità della comunicazione, utilizzando il pianto per far sì che genitori e familiari si occupino di lui; inizialmente quindi il pianto costituisce la prima forma di linguaggio, è solo successivamente compaiono le vocalizzazioni e ancora dopo le prime parole.

Attorno ai 18 mesi Il vocabolario può contenere una ventina di termini diversi. Saper combinare insieme due parole è una grande conquista: pian piano scompare la parola singola come espressione onnicomprensiva per lasciare il posto ad accostamenti sempre più complessi.

Presto si arriverà alle prime frasi, almeno in un primo momento grammaticalmente lontane dalle nostre; è importante non correggerlo per non scoraggiarlo, anzi egli ha necessità di sentirsi approvato e accettato, poiché in ogni caso raramente utilizzerà un ordine scorretto delle parole.

Il migliore aiuto per favorire lo sviluppo del linguaggio è parlare al bambino lentamente e a lungo, riferendosi ad oggetti fisicamente presenti. È inoltre fondamentale utilizzare libri illustrati: dieci o venti minuti di tempo al giorno, da dedicare a questa attività in maniera regolare, rappresentano un investimento per il futuro del piccolo.

SCRITTO DA:

Dott.ssa Silvia Procaccini

Pedagogista Clinica specializzata in Mediazione Familiare

L’imitazione come forma di comunicazione nello sviluppo tipico e atipico
ARTICOLI 29 Luglio 2019
SOS Autismo: strategie per aiutare i vostri bambini ad orientarsi nelle attività di vita quotidiana
ARTICOLI 15 Luglio 2019
Amnesia Transitoria Dissociativa e Rischio del Colpo di Calore
ARTICOLI 4 Luglio 2019
Massaggio infantile
: un dono prezioso per genitori e bambini
ARTICOLI 20 Febbraio 2019

Vuoi saperne di più?

Chiedi a Camillo!






Contattaci

scrivi@camillo.online

· numero verde 800 035 850

Powered by inspira